Il cosmetico più antico e più usato dalle donne racchiude in se alcuni segreti e storie.
Scopriamo insieme, sotto suggerimento dei nostri allievi del corso per Operatore del benessere – Indirizzo estetica,
10 curiosità su uno dei cosmetici più celebri del mondo!

1. Ha un’origine antichissima
Il rossetto ha un’origine antichissima: la sua prima apparizione, infatti, risale al periodo mesopotamico, addirittura 5.000 anni fa. Ovviamente non aveva l’aspetto che oggi conosciamo, ma era una sorta di tinta a base di elementi naturali – principalmente nei toni del rosso e del viola – utilizzata in occasioni speciali sia da donne che da uomini per far risaltare le labbra, gli occhi e le sopracciglia. Successivamente, nell’antico Egitto, il rossetto verrà usato quotidianamente: ecco perché poi, anche gli antichi romani, influenzati dalla cultura egizia, adottarono questa pratica di bellezza che è giunta fino ai giorni nostri.

2. È stato “inventato” da un americano
Nonostanteesistesse già in tempi molto antichi, il vero “inventore” del rossetto come lo conosciamo oggi – ovvero nella forma in stick – è un americano, Maurice Levy. Nel 1915, infatti, Levy creò lo stick portarossetto che tutte utilizziamo quotidianamente.

3. Ha avuto un ruolo importante nella storia Forse non sapete che questo piccolo oggetto ha avuto un ruolo importante nella storia passata e più precisamente nel periodo dellalotta per l’emancipazione femminile. Le famose Suffragette, infatti, sfilavano per le strade inneggiando all’indipendenza della donna e al diritto al voto con il rosso sulle labbra. Il rossetto era considerato “poco conveniente” agli inizi del secolo scorso e, proprio per questo motivo, diedero scandalo.

4. È stato simbolo di volgarità
Il rossetto, nel XIX secolo, fu definito dalla Regina Vittoria simbolo di volgarità e maleducazione.  Il rossetto era mal visto a tal punto che la regina scrisse una legge per vietarlo: non fu mai attuata.

5. Esiste un rossetto costosissimo
Una nota casa di cosmesi mondiale ha lanciato sul mercato un rossetto da 62.000 dollari che è stato definito il più costoso al mondo. Questo prezioso rossetto, chiamato KissKiss, è racchiuso in uno stick d’oro e brillanti ed è disponibile (per chi se lo può permettere!) in ben 12 nuances diverse.

6. Un tempo era velenoso
Oggi il rossetto è costituito da varie componenti come cera d’api, olio e aromi, studiate per adattarsi alla nostra pelle e non provocare allergie. Un tempo, però, il rossetto era velenoso: conteneva infatti – oltre a tinte naturali di derivazione animale e vegetale – elementi come il mercurio, molto dannoso per la salute.

7. In Giappone è obbligatorio portarlo
Alcune culture, Giappone in primis, hanno l’usanza del trucco facciale da millenni. Nella tradizione giapponese, infatti, le donne e in particolare le famose Geishe sono obbligate a truccarsi e a portare il rossetto in pubblico.

8. Wiston Churchill e il rossetto del buonumore
Mentre guidava il Regno Unito durante il secondo conflitto mondiale, Winston Churchill, per adattare l’economia e la produzione di beni in vista del sostegno della guerra, ordinò di razionare i cosmetici. Tuttavia, Churchill ha fatto un’eccezione: il rossetto! Ciò perché, a detta di Churchill, questo cosmetico era fondamentale per sollevare il morale non solo di chi lo indossava, ma anche di chi poteva ammirarlo sulle labbra delle donne, creando il giusto umore per sostenere la difficoltà del periodo!

9. L’ossessione di Liz Taylor
La famosissima attrice Liz Taylor, all’apice della sua carriera, ha avuto una vera ossessione per il rossetto, tanto che una delle sue celebri frasi recita: “Fatti un drink, mettiti un po’ di rossetto e datti un contegno”. L’affascinante attrice, inoltre, avrebbe inoltre dichiarato che, sul set, doveva essere sempre l’unica donna ad indossare il rossetto.

10. Lo stress ne aumenta il consumoEbbene sì, è stato provato che lo stress è uno dei fattori che ci spinge all’acquisto e al consumo dei rossetti. Le altre condizioni che ci portano all’acquisto di questi prodotti sembra siano il maltempo e i periodi di crisi: insomma, se vi sentite un po’ giù non c’è nulla di meglio che correre a comprare un bel rossetto nuovo.Alcuni studi hanno anche evidenziato che, in media, una donna consumerà – nel corso della sua vita – ben 4 kg di rossetto!

Credits: https://www.leitv.it/