Home » I ragazzi del Cirpe di Catania ricordano Giovanni Falcone

I ragazzi del Cirpe di Catania ricordano Giovanni Falcone

I ragazzi del Cirpe di Catania ricordano Giovanni Falcone
Contest: “L’albero della legalità” << gli uomini passano, le idee restano>> 23 Maggio: cosa ricordiamo?

In occasione dell’XXVIII Anniversario della strage di Capaci (attentato di stampo mafioso in cui persero la vita il magistrato Giovanni Falcone e la sua scorta nell’autostrada A29 sita nel comune di Capaci), i ragazzi del C.i.r.p.e.di Catania hanno voluto porre l’attenzione su tale evento ricordando, ringraziando e celebrando le gesta del Magistrato che ha sempre cercato la giustizia per contrastare una delle piaghe più grandi della nostra società.

Ai ragazzi del C.i.r.p.e di Catania è stato proposto un contest, presentato tramite la piattaforma DAD Weschool (nuovo metodo e piattaforma informatica per permettere il normale svolgimento delle lezioni nonostante l’emergenza covid-19 che ha caratterizzato quest’ultimo periodo n.d.r.) dalla tutor Stefania Seminara, il quale prodotto da presentare era un omaggio in occasione dell’anniversario della morte di Giovanni Falcone.

Video prodotto interamente in termini di montaggio, contenuti e testi dai ragazzi del Cirpe di Catania

I nostri ragazzi si sono molto impegnati per tale progetto e hanno dimostrato una particolare sensibilità riguardante quest’importante tematica, che ha fatto sì che il prodotto finale sia risultato emozionante agli occhi dello spettatore.

Grande merito va, inoltre, ai ragazzi: Kevin Sanfilippo (alunno del corso per “Operatore del Benessere – II°annualità” della sede C.i.r.p.e. di Via Oratorio, 1 – CT) che ha scritto e composto l’articolo iniziale del video e Ivan Nicolosi (alunno del corso per “Operatore Elettronico – I° annualità” della sede C.i.r.p.e. di Piazza Pergolesi, 16 – CT) autore del finale di chiusura del contenuto multimediale.

E’ motivo d’orgoglio per il C.i.r.p.e. vedere e percepire tanta sensibilità relativa ad una tematica così drammatica per la nostra società da parte dei nostri giovani, che spesso riteniamo indifferenti riguardo al passato e alle gesta di persone che hanno fatto la storia (soprattutto in termini di giustizia) e che invece dimostrano maturità, consapevolezza e riconoscenza per tutte le persone che hanno lottato e continuano a lottare per sconfiggere questo grande male.