IL C.I.R.P.E.

IL C.I.R.P.E. 2018-05-16T08:43:21+00:00

SISTEMA DI GESTIONE
DELLA QUALITÀ
UNI EN ISO 9001:2018
CERTIFICATO CQ 3310

Costituito nel 1979, il C.I.R.P.E. (Centro Iniziative Ricerche e Programmazione Economica) ha dato grande rilevanza, sin dall’inizio, alla promozione di iniziative volte alla valorizzazione del patrimonio architettonico ed ambientale della città di Palermo e dei comuni della provincia, interesse che è anche scaturito nella pubblicazione di un periodico, “Paesi Nostri”, e di un unico numero di “Palermo e il suo centro storico”.

Nel 1992, ha avviato la collaborazione con la Regione Siciliana, realizzando corsi di formazione professionale rivolti a diversificati profili formativi.

Dal 2003, l’associazione ha mostrato particolare interesse verso l’area socio-assistenziale, focalizzando la propria attenzione sui soggetti che vivono una condizione di svantaggio sociale, culturale ed economica e sui soggetti “deboli” all’interno del mercato del lavoro.

Relativamente ai detenuti ed ex-detenuti, il CIRPE ha istaurato un rapporto di collaborazione con l’UPL, formalizzato con una convenzione che ha coinvolto l’Amministrazione Penitenziaria, per estendere agli utenti detenuti la possibilità dell’iscrizione al nuovo collocamento attraverso la resa della dichiarazione di disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa. Detto servizio è stato attivato presso gli Istituti Penitenziari di Caltanissetta e San Cataldo dove gli operatori dello sportello multifunzionale già esistente svolgono funzioni informative e di assistenza.

Inoltre, all’interno della Casa Circondariale Ucciardone di Palermo, della Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo, della Casa di reclusione di San Cataldo, della Casa Circondariale di Caltanissetta, della Casa Circondariale di Piazza Lanza di Catania, della Casa Circondariale di Bicocca (CT), dell’Istituto Penitenziario di Caltanisetta e di Catania, l’Associazione CIRPE realizza percorsi di formazione professionalizzanti rivolti ai detenuti nei settori dell’artigianato, dell’industria e dell’informatica.

Dal 2004, l’associazione ha allargato il suo raggio di azione, sostenendo la formazione di giovani in obbligo di istruzione e formazione e istituendo sportelli di orientamento anche per la prevenzione della dispersione e dell’abbandono scolastico. A tal fine ha formalizzato partnership con Istituzioni scolastiche di primo e secondo grado nelle province di Palermo, Catania e Caltanissetta.

Dall’anno 2007 (quando ha avuto inizio la sperimentazione nazionale) l’associazione promuove ed organizza, anche in partenariato con le Scuole Secondarie di Primo Grado e con gli Istituti d’Istruzione Superiore, percorsi triennali, rivolti ad alunni in obbligo scolastico-formativo, per il conseguimento di una qualifica professionale.

I destinatari dell’istruzione professionale sono giovani che manifestano maggiore attitudine e propensione per l’apprendimento di materie pratiche e pertanto scelgono di proseguire gli studi, in alternativa ai percorsi di istruzione ordinaria, presso gli Enti di Formazione Professionale.

I corsi di studio, promossi e gestiti dal CIRPE, con durata minima di 3 anni, consentono di ottenere la qualifica professionale di “Operatore” spendibile nel mondo del lavoro; inoltre gli allievi a conclusione del 3° anno potranno scegliere di proseguire gli studi all’interno del percorso di Istruzione, conseguendo un diploma, oppure frequentare il 4° anno presso gli enti di Formazione Professionale ottenendo la qualifica specialistica di “Tecnico”.

Tali corsi di studio sono stati concepiti per garantire un’istruzione/formazione più confacente allo stile di apprendimento di giovani che, in assenza di un simile percorso professionalizzante, sceglierebbero la strada, il lavoro sommerso ed in taluni casi diventerebbero facili prede delle organizzazioni malavitose.

È importante precisare che l’Ente CIRPE è tra i 23 enti, a livello regionale, accreditati dalla Regione Siciliana (CIR: ABL143) per la realizzazione di percorsi formativi finalizzati all’assolvimento dell’obbligo di istruzione/formazione.

L’Associazione CIRPE, inoltre, è partner dell’Osservatorio di Area “Distretto 13” per la prevenzione della dispersione scolastica e la promozione del successo formativo, con il quale condivide le strategie utili a prevenire il fenomeno dell’abbandono e la progettualità di percorsi di formazione professionale tarati sulle reali esigenze dei giovani e del territorio socio-economico.

Attualmente, uno dei suoi principali scopi è quello di sostenere i giovani in cerca di occupazione e di valorizzare ed adeguare le competenze e le professionalità alle richieste del mercato del lavoro.

 Per perseguire queste finalità, l’Associazione:

  • promuove seminari e convegni presso scuole, centri di ricerche e comunità giovanili;
    • gestisce centri di orientamento informativo, formativo e di counselling
    • progetta e realizza corsi di alta formazione e progetti di sviluppo socio-economico e di integrazione sociale;
    • accoglie stagisti, organizza e promuove l’apprendistato ed il tirocinio, quali politiche attive utili al raccordo dell’utenza con il sistema imprenditoriale e sociale.
    • offre consulenza alle aziende nel settore delle politiche del lavoro.

Uno dei principali scopi del CIRPE è, dunque, quello di sostenere i giovani in cerca di occupazione che si trovino in una condizione di particolare “debolezza” nel tessuto sociale ed economico, e di valorizzare ed adeguare le loro competenze e le professionalità alle richieste del mercato del lavoro.

Nel perseguire tali importanti obiettivi, il CIRPE ha analizzato tre tipologie di richieste:

  • la ricerca di personale da parte delle aziende del tessuto cittadino;
  • le peculiari caratteristiche dei giovani detenuti che mostrano una ritrosia nei confronti dei percorsi di istruzione e otterrebbero un maggiore successo formativo in percorsi di formazione professionale, maggiormente incentrati su attività laboratoriali,
  • le caratteristiche del tessuto socio-economico, grazie al continuo confronto e lavoro congiunto con le associazioni di categoria (Confcommercio, Confartigianato, Confindustria, etc.).